GLOBAL PARLIAMENT OF MAYORS

 GPM-FC logo

 

21- 23 ottobre 2021

Palazzo Sant’Elia

Palermo

 

Un numero sempre crescente di compiti viene delegato dai governi nazionali ai comuni e alle regioni perché oltre la metà della popolazione mondiale vive nelle città e nelle regioni metropolitane. Le città contribuiscono a oltre l’85% del reddito nazionale lordo (RNL) delle loro nazioni. Dunque hanno bisogno di essere attivamente impegnate nel processo decisionale delle organizzazioni internazionali.

Il Global Parliament of Mayors (GPM) promuove il processo decisionale collettivo delle città al di là dei confini nazionali, affrontando le sfide critiche che l’umanità affronta e producendo risultati utili a tutti.

Il GPM come assemblea ha l’obbiettivo di facilitare il dibattito tra i sindaci, i governi nazionali e le organizzazioni internazionali, guidare l'azione sistematica per affrontare le sfide globali e nazionali e le opportunità per ottenere un cambiamento politico su scala globale.

I sindaci assumono la leadership e la proprietà delle sfide globali che affrontano a livello locale, con valori chiari e definiti

-       autogoverno locale

-       leadership

-       collaborazione

-       dialogo aperto

-       efficacia

L'associazione mira ad essere coinvolta nei dibattiti sulle questioni critiche delle città e a partecipare attivamente al processo decisionale. Intervenendo nelle discussioni all'ONU, all'OCSE e ad altre assemblee, il GPM promuove le proposte e le richieste dei sindaci, attinge a politiche e attività attuate con successo dai primi cittadini di tutto il mondo e crea una maggiore consapevolezza del ruolo cruciale che le città svolgono nel nostro mondo interdipendente.

La visione del GPM è un mondo in cui i sindaci, le loro città e le loro reti siano partner alla pari nella costruzione di una governance nazionale e globale per un mondo inclusivo e sostenibile.

L’annuale summit del Global Parliament of Mayors, GPM, quest’anno si svolge per la prima volta in Italia e viene ospitato dalla Città e dalla Città Metropolitana di Palermo con il sindaco Leoluca Orlando co-fondatore del GPM. I lavori si svolgeranno dal 21-23 ottobre 2021 presso la Sala Diana di Palazzo Sant’Elia.«La città di Palermo ha partecipato alla fondazione del Global Parliament of Mayors fin dai suoi primi passi e oggi ospita l'incontro annuale dopo le città di Amsterdam, Den Haag, Stavanger, Bristol e Durban», afferma il sindaco Leoluca Orlando. «Una straordinaria occasione - prosegue - per confermare l'interdipendenza e collaborazione tra città di tutti i continenti. Uno stimolo, un richiamo, un contributo a rendere più vive, attrattive e accoglienti le nostre città in un villaggio globale che superando confini e muri realizzi una comunità di persone tanto diverse quanto uguali».

L’evento che normalmente raccoglie più di 150 sindaci da tutto il mondo sarà presentato per l’edizione 2021 in forma ibrida interattiva e unirà sindaci, reti di città ed esperti internazionali per discutere di leadership delle città e delle principali sfide globali a livello locale.

Presente a Palermo il presidente del GPM, Peter Kurz, sindaco di Mannheim, insieme a una decina di colleghi provenienti dall’Europa e dal mondo, così come una delegazione di sindaci nigeriani. Saranno invece circa 60 i sindaci che parteciperanno online.

«Il GPM è stato fondato nel 2016 sulla base delle idee e della leadership del Dr. Benjamin Barber, affinché rappresenti le città impegnate nell'affrontare questioni globali urgenti. Da allora le sfide sono diventate solo maggiori», spiega il sindaco di Mannheim e presidente del GPM, Peter Kurz. «La convivenza sul nostro pianeta è più a rischio che mai. Il governo locale - aggiunge - è il livello di governo più vicino alle persone, quindi le città e i loro leader devono essere coinvolti nelle conversazioni globali e nazionali su questioni critiche e lavorare a stretto contatto con gli altri livelli di governo per implementare soluzioni efficaci. Il GPM riunisce i sindaci, uniti in difesa dei valori democratici, dell'autogoverno locale, del dialogo aperto e di una leadership efficace. Insieme stiamo lavorando per affrontare le questioni globali urgenti a livello locale. Il GPM è il crocevia, il punto di incontro per il coordinamento e l'azione congiunta».

Il tema principale del summit è la ripresa dopo la pandemia: «Il futuro è ora, le sfide globali devono essere affrontate come il peso della ripresa, della transizione e del rinnovamento guidato dai sindaci delle città come motore del cambiamento».

Il cambiamento climatico e il rapporto con l’Africa relativo alla migrazione causata proprio da questo fenomeno saranno focus centrali dell’incontro.

Il summit evidenzierà il ruolo delle città come prerequisito per il successo nell'affrontare le questioni globali, le nuove forme di leadership cittadina e la governance multilaterale.

Come ogni anno sarà annunciato il vincitore del premio intitolato al politologo americano Benjamin Barber scomparso nel 2017 al quale sarà, inoltre, intitolata una targa commemorativa posta all'interno di Palazzo Comitini in via Maqueda con la seguente dicitura: «Con ammirazione e gratitudine in condivisione di impegno per l'interdipendenza dei popoli, per il ruolo dei governi locali».

Per restare aggiornati in tempo reale sullo svolgimento dei lavori è possibile consultare i seguenti canali social

https://twitter.com/LeolucaOrlando1https://www.facebook.com/leolucaorlandosindaco

https://www.facebook.com/globalparliamentofmayors

https://twitter.com/gpmayors

                                     

The Best betting exchange http://f.artbetting.net/
Full reviw on bet365 b.artbetting.net by artbetting.net
www.bigtheme.net